Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

politica

«GLS assassini». Operaio travolto da un tir, i sindacati protestano – VIDEO

Pubblicato il

2 minuti di lettura

«GLS assassini» è l’urlo che ha dominato il corteo svoltosi questo pomeriggio, sabato 17 settembre, tra le vie di Piacenza. I sindacati Usb, SI Cobas, con Rifondazione Comunista e diversi centri sociali da tutta Italia, hanno raccolto circa duemila persone, per «chiedere verità in merito alla morte di Adb Elsalam Ahmed Eldane», il 53enne egiziano travolto da un camion mentre protestava di fronte ai cancelli della sede in località Montale. Il camionista è stato rilasciato dalle Forze dell’Ordine, dopo la testimonianza di una pattuglia della polizia presente al momento dei fatti, la quale ha descritto una distrazione della vittima durante il passaggio del mezzo.

La versione ufficiale, però, non convince i dimostranti: «Non credo alla procura – spiega una professoressa presente alla manifestazione – perché si basa solo sulle parole e non sulle indagini. Si vogliono nascondere i fatti». Secondo loro, un dirigente della Gls avrebbe invitato l’autotrasportatore a partire, passando sopra l’uomo. L’azienda si è difesa: le immagini delle telecamere di videosorveglianza, pubblicate da Il Fatto Quotidiano, mostrerebbero l’accidentalità dell’incidente.

Il corteo è partito alle 14 da piazzale Marconi, proseguendo per viale S. Ambrogio, piazzale Milano, viale Risorgimento, via Cavour, piazza Cavalli, via Sant’Antonino, piazza Duomo e i giardini Margherita. Il percorso è stato modificato poche ore prima dell’inizio, per motivi di ordine pubblico. Infatti, nei giorni scorsi, gli assessori hanno consigliato ai commercianti di proteggersi, abbassando le saracinesche e rimuovendo i tavolini e le sedie fuori dai locali. Alcuni negozianti di Piazza Duomo, durante il passaggio delle “bandiere rosse”, arrabbiati per aver perso la clientela del sabato pomeriggio, hanno detto: «Abbiamo paura, perché dobbiamo andarci di mezzo sempre noi?».

In testa al corteo, i protestanti indossavano un elmetto da operaio, denunciando «le condizioni di lavoro terribili, in particolare modo per gli stranieri». Altri distribuivano  volantini sulla «lotta di classe inevitabile tra borghesia e proletariato», oppure pregavano in lingua araba per ricordare Adb Elsalam. Il messaggio è stato ripetuto più volte: «Il governo Renzi, la prefettura, la polizia, GLS sono responsabili politicamente e moralmente di questo crimine. La pagheranno tutti».

La città è stata blindata, attraverso un grande dispiegamento di agenti di polizia e carabinieri: qualcuno è stato ripreso perché rimuoveva dai pali gli adesivi “rivali”, cioè dei partiti politici di centrodestra, utilizzando un coltello.

In via Cavour, è stata assalita e danneggiata la vetrina di una banca. Uno dei partecipanti, proveniente da Cremona, con la bandiera della pace sulle spalle, ha commentato: «Gli idioti ci sono sempre, in qualsiasi contesto».

Thomas Trenchi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Creatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Collabora con il quotidiano Libertà e l'emittente Telelibertà. Ha realizzato alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Regista del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), curatore della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018).