Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

politica

Zanelletti attacca la Lega e appoggia Trespidi: «Potrebbe allearsi coi 5 Stelle»

Pubblicato il

4 minuti di lettura

Giacca di jeans, cappellino sulla testa, occhiali da vista e l’immancabile sigaretta tra i denti: Vincenzo Zanelletti è un fiume in piena. Ne ha per tutti: annuncia l’ingresso nella lista di Trespidi, critica la Lega Nord, disapprova le scelte della Giunta Dosi e attacca la classe politica. «La Lega Nord aveva tutti i requisiti per correre da sola verso le elezioni amministrative di Piacenza, ma non l’ha fatto. Ha rispolverato vecchie e disastrose alleanze. Penso che il Carroccio, stavolta, vedrà col binocolo il 24% delle elezioni regionali nel 2014».

14368851_10210732606342045_8301934205920167161_n.jpg

Da sinistra: Bellemo, Spina, Murelli, Zanelletti, Forlini

Dopo l’esperienza in consiglio comunale nel 1998 e la candidatura a sindaco nel 2002 con la civica “Piacenza Vive”, Zanelletti ha militato per qualche anno nella Lega Nord. Dalla quale, l’anno scorso, è fuoriuscito, in rotta con la segreteria regionale di Gianluca Vinci. «I piacentini hanno contribuito all’elezione di Vinci a segretario emiliano, prediligendolo al posto del candidato piacentino. Una scelta errata, che ha riservato conseguenze dannose per il territorio».

Oggi, Zanelletti (insieme a Daniele Spina, Alex Murelli, Giovanni Forlini e Francesco Bellemo) ha fondato il gruppo “Gente In Movimento”, col quale annuncia di appoggiare la discesa in campo di Massimo Trespidi per la poltrona di primo cittadino di Piacenza. Zanelletti e Spina sono entrati ufficialmente a far parte delle due liste create dall’ex presidente della Provincia, una “senior” e l’altra composta da soli giovani.

Quale motivazione vi ha spinto ad impegnarvi con Trespidi?

«Il nostro gruppo, “Gente In Movimento”, sta crescendo, le persone riconoscono in noi e nelle nostre tematiche una reale libertà dai partiti. Riteniamo che Trespidi possa portare avanti questa autonomia dalle segreterie e dalle riunioni aperte a pochi».

Trespidi, però non è estraneo ai partiti. Inizialmente doveva essere il candidato di Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

«È vero. Il segretario provinciale della Lega Nord, Pietro Pisani, gli chiese di essere il portacolori del Carroccio, dicendogli che l’avrebbe proposto agli altri schieramenti di centrodestra. Non è mai stato Trespidi ad affacciarsi ai partiti, ma il contrario: questi gli riconoscevano, giustamente, una grande capacità amministrativa. Non a caso, ha già ricoperto ottimamente importanti cariche istituzionali».

Perché alla fine, secondo te, il centrodestra ha preferito Patrizia Barbieri?

«Trespidi è un decisionista, uno che impone la finalità di un lavoro. Ciò non sta bene a tutti. Noi, come “Gente In Movimento”, abbiamo preferito basarci sui fatti e non sulle parole. Le azioni intraprese da Trespidi parlano chiaramente».

Per esempio?

«Nel 2012 ha scelto di non rinnovare i contratti d’affitto tra la Provincia e Borgo Faxhall, bloccando un enorme spreco di denaro pubblico. Grazie a lui, adesso ne trae beneficio soprattutto la città, con un ingente risparmio. Ha spezzato la continuità amministrativa della sinistra, e speriamo possa continuare a farlo».

La tua avversione ai partiti sembra ripercorre la linea dei 5 Stelle… Non avresti preferito entrare nella loro lista?

«Nulla in contrario, ma le regole vanno rispettate e i 5 stelle non raccolgono chiunque pur di vincere. Bisogna militare e farsi stimare. In fondo, anche Trespidi è un po’ grillino. Qualora andasse al ballottaggio, potrebbe allearsi con il Movimento 5 Stelle. Si tratterebbe di un’opzione con novità piacevoli. I partiti hanno causato il catafascio della città. A livello nazionale, hanno votato in modo compatto la disastrosa legge Fornero, riproponendo le medesime alleanze a livello locale».

IMG_8994.JPG

Zanelletti e Forlini alla presentazione della lista “Massimo Trespidi sindaco”

Trespidi sa che vi augurate una sua alleanza con i 5 Stelle?

«No. Abbiamo tratti in comune col movimento di Grillo: diciamo “no” ad una logistica sregolata, “no” alla costruzione di un nuovo polo, se significa aprire le porte alle multinazionali straniere che se ne infischiano del Protocollo di Kyoto e non rispettano la dignità dei lavoratori e l’ambiente. Se fossero industrie italiane virtuose, si potrebbe valutare l’insediamento».

Sarebbe giusto realizzare un nuovo ospedale per Piacenza?

«Assolutamente no! La qualità di un nosocomio non la fanno i mattoni, ma chi ci lavora. Si devono valorizzare le eccellenze coi camici, cioè i dottori e i medici, non giocare col calcestruzzo. Piuttosto, il problema dell’ospedale è la ristrettezza del parcheggio. Noi abbiamo in mente una soluzione che sveleremo più avanti».

Qual è la priorità della città?

«La sicurezza. Condivido l’idea di Trespidi di utilizzare i militari per presidiare le strade».

Il sindaco Dosi richiese la presenza dei soldati al Ministero della Difesa, tuttavia gli fu negata. Cosa sarebbe cambiato da allora?

«Trespidi è più bravo, ha più polso. Sarebbe in grado di far valere la posizione del territorio. Ad ogni modo, abbiamo ulteriori idee per incidere sulla sicurezza: occorre potenziare la Polizia Municipale, avviando operazioni in borghese e dotando gli agenti di videocamere nascoste sulla giacca o sul berretto, per disporre di una prova in caso di aggressioni. Proposte che guarda caso la Lega Nord ha copiato nel suo programma».

Thomas Trenchi 

Creatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Collabora con il quotidiano Libertà e l'emittente Telelibertà. Ha realizzato alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Regista del documentario "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), curatore della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018).