Seguici su

↓ Ascolta Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

cultura

Inizia l’anno scolastico, l’augurio del prof. Gromi: «La scuola è una fortuna»

Pubblicato il

1 minuti di lettura

L’augurio di Alberto Gromi, ex-preside del Liceo Gioia e docente universitario di Pedagogia e di Didattica, agli studenti che si apprestano a cominciare il nuovo anno scolastico 2017/2018.

Quando andavo in Kenya (dove facevamo attività con i bambini di strada e a sostegno di un piccolo ospedale gestito da un’amica in terra maasai) in genere i ragazzi credevano che noi bianchi avessimo molti soldi e quindi mi chiedevano cose. I più piccoli sognavano un pallone. Quelli più grandicelli, invece, mi chiedevano invariabilmente: mi sponsorizzi gli studi? È chiaro? Volevano andare a scuola.

Ecco. Si torna a scuola.  Non so con quale animo ognuno di voi affronta il nuovo anno scolastico. So che sicuramente durante l’anno vi troverete a maledire la scuola, a pensare come sarebbe bello fare dell’altro invece che stare tutto il giorno sui libri, ad augurare l’indicibile a qualche insegnante un po’ carogna… E cose simili. Bene. Normale. In quei momenti pensate, per favore, a quei ragazzi, ai tanti ragazzi nel mondo, che vorrebbero andare a scuola e non ne hanno i mezzi. Questo pensiero non vi consolerà. La scuola continuerà magari ad essere noiosa, i professori carogne, i compagni insopportabili, lo studio pesantissimo. Però almeno pensate che, se non siete consolati, siete almeno fortunati. Buon anno scolastico. Che la forza sia con voi.

Alberto Gromi

Sono nato il 6 maggio 1998. Abito alla Besurica e cerco di rendermi utile alla vita del quartiere. Ho contribuito alla fondazione di Gioia Web Radio, la prima radio liceale a Piacenza, conducendo anche una rubrica d’attualità. Ho ideato, montato e pubblicato il documentario “Avevamo Paura – Memorie di guerra di Bruna Bongiorni” per guardare dal punto di vista femminile la seconda guerra mondiale. Amo scrivere e raccontare le storie vere: di vita, di sofferenza e di gioia. Senza retorica, sia ben chiaro! Ho creato Sportello Quotidiano, con l’intenzione di ritagliare uno spazio d’approfondimento nella narrazione delle notizie piacentine. Adesso, per fortuna, ci sono tante altre persone che mi danno una mano: vedere la crescita (seppur difficile) del progetto è un’enorme soddisfazione!