Seguici su

↓ Ascolta Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

politica

Auto sequestrata dopo segnalazione su WhatsApp. Mossa vincente del gruppo di vicinato

Pubblicato il

2 minuti di lettura

Il sistema del controllo di vicinato continua a dare i suoi buoni frutti. Nel week end, un residente del quartiere Besurica – tramite l’apposito gruppo Whatsapp – ha segnalato un’automobile sospetta, notata mentre gironzolava nelle vicinanze della piazza. Il conducente, secondo la ricostruzione, avrebbe cambiato l’olio alla vettura e rovesciato la sostanza residua in mezzo alla strada. Dopo aver controllato la targa con una semplice applicazione del cellulare, il mezzo risultava non assicurato. I tentacoli del controllo di vicinato si sono espansi e un altro uomo ha scritto: “Mia mamma abita lì dietro, va subito a controllare”. L’assessore alla sicurezza Luca Zandonella, iscritto alla chat, ha avvertito prontamente gli agenti della Polizia Municipale, che una volta giunti sul posto hanno effettuato gli accertamenti. L’automobile, intestata a un soggetto straniero residente a Genova, è stata sequestrata.

«In questo periodo storico, la collaborazione tra Forze dell’Ordine e cittadini è fondamentale», ha fatto sapere l’assessore Zandonella. «Le chat del controllo di vicinato sono nate proprio in quest’ottica, essendo le prime sentinelle del territorio. Per l’amministrazione comunale è fondamentale incentivarle e valorizzarle, dando massimo ascolto agli SOS che arrivano. Sono orgoglioso d’aver contribuito alla fondazione del gruppo della Besurica».

I gruppi di vicinato stano crescendo come funghi in tutta la Provincia. Non hanno nulla a che vedere con le ronde: la raccomandazione principale, infatti, è quella di non intervenire mai in prima persona e di non sostituirsi alle autorità (ad esempio con pattugliamenti e inseguimenti), ma di chiamare le Forze dell’Ordine di fronte a movimenti sospetti o crimini. Si tratta, in altre parole, di un antifurto che necessita degli occhi vigili della comunità, prestando attenzione ai volti nuovi che circolano nel paese, ai numeri di targa sconosciuti che si aggirano in zona, al suono degli allarmi o dei cani che abbaiano con insistenza, segnalando il tutto su Whatsapp. Qualcuno le ha definite le sentinelle delle spunte blu. Per mantenere chiare le regole di funzionamento, periodicamente la Questura di Piacenza convoca una riunione con tutti i referenti. Il prossimo appuntamento si svolgerà oggi, giovedì 5 ottobre.

Thomas Trenchi