Seguici su

curiosità

Multe ai giovani calciatori intransigenti. Ma serve davvero a educare?

Pubblicato il

Rigore e rispetto, oppure si paga. Una società calcistica piacentina ha deciso di introdurre un listino di multe per chi non s’attiene a determinate regole. Nella stagione 2017/2018, gli allievi e gli juniores regionali dovranno fare attenzione alle “Regole del salvadanaio” diramate dall’allenatore di questa compagine: sanzione di 3 euro per un ritardo senza preavviso, 5 euro per assenza senza preavviso, 3 euro in caso d’inizio dell’allenamento calciando il pallone senza riscaldamento, 3 euro per l’utilizzo non concordato di abbigliamento non societario, 5 euro quando si riceve durante la partita un’ammonizione per protesta, reazione o bestemmia, 10 euro se l’arbitro estrae il cartellino rosso. Infine, i giocatori che fumano negli spogliatoi devono pagare 5 euro. “Tutte le regole precedenti”, si legge nel documento distribuito ai ragazzi, “sono applicate anche al settore dirigenziale e tecnico con maggiorazione del 100%”.

Ma fino a che punto la sanzione ha valore educativo?

«La sanzione non permette di imparare, anzi: disinveste sull’autonomia dell’individuo», chiarisce Paolo Ragusa, responsabile della formazione e counselor del CPP, istituto specializzato nella gestione dei conflitti e nei processi di cambiamento. «In questa fase adolescenziale è preferibile un aspetto negoziale – prosegue Ragusa -, altrimenti i ragazzi non impareranno ad assumersi le proprie responsabilità, pensando che un errore sia risolvibile pagando qualche spicciolo».

Per Daniele Novara punire non serve a nulla…

Anche il pedagogista piacentino Daniele Novara nel suo libro “Punire non serve a nulla” affronta la questione, facilmente traducibile nel contesto sportivo, che rappresenta un’opportunità di aggregazione, condivisione e sviluppo della capacità di fare gruppo. «Punire non ha nulla a che fare con l’educazione. Le punizioni sono elementi estranei ai processi educativi: che siano fisiche, simboliche, dimostrative o quant’altro, non hanno alcuna chance di favorire davvero la crescita, la responsabilizzazione o l’autonomia. […] È meglio cercare di educare bene che trovare la punizione perfetta. […] Anche a scuola le punizioni sopperiscono a una valida organizzazione – scrive Daniele Novara -. Certamente dipende da insegnante a insegnante, dalla tipologia di scuola stessa, ma l’Italia su questo fronte si muove a passo molto lento. […] La convinzione che l’alunno possa capire e apprendere le regole solo espiando con castighi e sgridate è ancora ben radicata e crea continui cortocircuiti dal punto di vista organizzativo».

Thomas Trenchi

Classe 1998, giornalista dell'emittente televisiva Telelibertà e del sito web Liberta.it. Collaboratore del quotidiano Libertà. In passato, ideatore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato anche alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni” e co-creatore di "Eravamo come morti - Testimonianza di Enrico Malacalza, internato nel lager di Stutthof". Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018). Ecco alcuni speciali tv curati per Telelibertà: "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste in occasione della festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019; “I presepi piacentini nel Natale del Covid”; “La vita oltre il Covid” con interviste a due piacentini guariti dall’infezione da Coronavirus dopo dure ed estenuanti settimane di ricovero in ospedale; il reportage “La scuola finlandese” negli istituti di Kauttua ed Eura in Finlandia.