Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

ambiente

«A Natale si spreca troppo cibo. Sfamiamo la pancia, non la pattumiera»

Pubblicato il

2 minuti di lettura

Ogni anno in Italia finiscono nella pattumiera 12 miliardi di alimenti. È un numero mastodontico, che fa riflettere sul disinteresse trasversale della popolazione nei confronti dei beni primari. E nel periodo natalizio questa cifra si amplifica ulteriormente: secondo Waste Watcher, attorno al 25 dicembre si sperpera il 41% delle pietanze, soprattutto dalle tavole casalinghe. In Emilia-Romagna la media sarebbe leggermente inferiore rispetto al dato nazionale, complice l’importanza ricoperta dall’enogastronomia.

Anche il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari ha lanciato un allarme, pubblicando il prontuario Io Non Spreco, una lista di consigli per fronteggiare gli sprechi alimentari. Ma il rischio è che tale monito continui a rimanere una filastrocca, senza trovare un’applicazione pratica.

L’associazione locale Piace Cibo Sano, che promuove e sviluppa azioni per una filiera agroalimentare territoriale sostenibile, ritiene che «il pranzo di Natale o il cenone di Capodanno siano occasioni di festa da vivere e consumare all’insegna del rispetto ambientale. Ogni volta che si getta un prodotto nel carrello della spesa, bisogna pensare al lavoro, alle risorse, al suolo e al trasporto impiegato per giungere alla confezione finale. Restituiamo al cibo il valore che merita e facciamo in modo che riempia le pance, e non i cestini della spazzatura».

Lo spreco alimentare è un’emergenza quotidiana

Piace Cibo Sano dal 2013 promuove il progetto pilota RicibiAMO, che prova a mettere una pezza a questa emergenza quotidiana. In partnership con il Centro di ricerca Opera e l’Università Cattolica di Piacenza, si cerca di indagare il tema dello spreco alimentare e di proporre soluzioni semplici e attuabili per ridurne l’impatto. I comitati Iren di Piacenza e Parma e il consorzio Comieco sostengono la seconda fase attuativa del progetto, con la collaborazione delle scuole alberghiere di Salsomaggiore e Piacenza.

«Oggi RicibiAMO mette in campo nel settore della ristorazione un percorso condiviso di lotta allo spreco. Sessanta ristoranti nei territori di Parma e Piacenza partecipano allo sviluppo di un protocollo di buone pratiche che permetta il contrasto allo spreco di cibo, affrontando il problema in modo integrato e completo. Dalla fase di acquisto, conservazione, preparazione, fino a quella di dispensazione e consumo. Per la fase finale la rete si avvale della family bag RicibiAMO: nell’ultimo semestre abbiamo distribuito 1.500 contenitori per portarsi via gli avanzi dal ristorante. Nel 2018 consolideremo questo ausilio», illustra Miriam Bisagni, presidente dell’associazione.

Un concorso per spronare le buone abitudini

“Non sprechiamo RicibiAMO” ha vinto il primo Premio Innovatori Responsabili 2017 della Regione Emilia-Romagna. La rete di studenti e cuochi di Piace Cibo Sano sta gareggiando per i premi “Chef antispreco” e “Miglior ricetta antispreco”. I contendenti saranno giudicati sui social, mentre nelle fasi conclusive si sfideranno in un menù di assaggi. Le premiazioni sono previste per il 5 febbraio 2018. Per iscriversi o avere qualsiasi informazione è necessario inviare una mail all’indirizzo info@piacecibosano.com.

Creatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Collabora inoltre con il Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Regista del documentario "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), curatore della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018).