Seguici su

politica

Risparmio di 311mila euro, ecco la riorganizzazione dei dirigenti comunali

Quattro dirigenti in meno e un risparmio di 311mila euro. È la manovra di «efficientamento della macchina amministrativa» che la Giunta comunale di Piacenza ha approvato stamattina in riunione.

Pubblicato il

Quattro dirigenti in meno e un risparmio di 311mila euro. È la manovra di «efficientamento della macchina amministrativa» che la Giunta comunale di Piacenza ha approvato stamattina in riunione. L’annuncio è stato dato in una conferenza stampa straordinaria dal sindaco Patrizia Barbieri, dal vicesindaco Elena Baio, dall’assessore al personale Paolo Passoni e dal segretario generale Roberto Gerardi.

Non è ancora stata adottata alcun delibera ufficiale, ma l’indirizzo che verrà proposto alla commissione consigliare e ai sindacati prevede di formare una struttura dirigenziale orizzontale. La Giunta propone di azzerare i comitati di direzione ed eliminare la così detta “funzione di direzione”. I dirigenti comunali, che passeranno da sedici a dodici, verrano coordinati da Gerardi, il quale assumerà anche l’incarico da direttore generale.

Le funzioni amministrative verrano ridistribuite in questo modo: Polizia municipale, avvocatura, risorse umane, organi istituzionali, bilancio, tributi, servizi informativi ed educativi, servizi sociali e famiglia, servizi al cittadino, cultura e turismo, pianificazione urbanistica e ambientale, attività produttive ed edilizia, manutenzione e lavori pubblici (più sport e mobilità). Entro maggio verrano ricoperte le posizioni dirigenziali vacanti per le strutture della Polizia municipale, attività produttive ed edilizia, tributi e sociale.

Decisamente soddisfatto il sindaco Barbieri, che ha commentato: «Ai dirigenti, che saranno tutti sullo stesso livello, chiederemo uno sforzo ulteriore: infatti, avranno più responsabilità alle quali adempire. Tuttavia, la loro indennità annuale aumenterà. I sedici dirigenti della scorsa amministrazione costavano un milione e 815mila euro all’anno. Con questa riorganizzazione, la spesa complessiva – comprendente lo stipendio del futuro direttore generale – diventerà di un milione e mezzo». L’assessore Passoni ha aggiunto: «La riorganizzazione è un’azione complessa e delicata, che potrà certamente necessitare di correttivi. Questo risparmio di 300mila euro annui darà ossigeno alle risorse correnti del Comune».

Classe 1998, giornalista dell'emittente televisiva Telelibertà e del sito web Liberta.it. Collaboratore del quotidiano Libertà. In passato, ideatore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato anche alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni” e co-creatore di "Eravamo come morti - Testimonianza di Enrico Malacalza, internato nel lager di Stutthof". Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018). Ecco alcuni speciali tv curati per Telelibertà: "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste in occasione della festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019; “I presepi piacentini nel Natale del Covid”; “La vita oltre il Covid” con interviste a due piacentini guariti dall’infezione da Coronavirus dopo dure ed estenuanti settimane di ricovero in ospedale; il reportage “La scuola finlandese” negli istituti di Kauttua ed Eura in Finlandia.