Seguici su

↓ Ascolta Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

politica

SULPL: «Buone notizie dalla Regione, più tutele per la Polizia locale»

Pubblicato il

2 minuti di lettura

Più tutele per gli agenti di Polizia locale. Il sindacato SULPL – rappresentato dai segretari emiliano-romagnoli Paolo Sarasini e Federico Coratella – esprime soddisfazione per l’esito dell’incontro tenutosi oggi in Regione Emilia-Romagna. «Per quanto concerne la tutela legale è stato creato un fondo per i procedimenti penali nei confronti degli operatori per causa di servizio (modello Lombardia per intenderci). È stato creato un sistema di collegamento tra i Comuni dell’Emilia-Romagna grazie al quale basta una pec o addirittura un sms per prestare immediato aiuto tra Comandi di Comuni diversi, superando in tali occasioni la burocrazia legata al limite della territorialità. Gli strumenti di autotutela sono stati contemplati a livello regionale, al pari della formazione degli operatori. Gli appartenenti alla Polizia Locale potranno ricevere sostegno psicologico anche da personale esterno, in caso di necessità; un grande passo in avanti a nostro avviso, in considerazione dei sempre più numerosi suicidi tra le forze di polizia a causa del male oscuro. Con la nuova Legge Regionale si parlerà solo di Polizia Tributaria, ognuno per la parte di competenza, superando il limite dei tributi locali».

Queste a grandi linee le modifiche che sono state apportate a quella bozza di Legge Regionale che inizialmente, «essendo una riforma formale ma non sostanziale», aveva indotto il sindacato a indire uno stato di agitazione poiché «occorreva una vera legge di riforma della Polizia locale, al passo con i tempi. In quanto sindacato maggiormente rappresentativo della categoria possiamo affermare che nel complesso siamo soddisfatti in quanto sono state prese in considerazione molte delle criticità da noi eccepite. Certo è che tutto è perfettibile e per questioni più complesse, come ad esempio l’albo dei Comandanti e l’armamento di tutti gli operatori di Polizia Locale, la Regione si è impegnata a portare avanti la nostra richiesta nell’ambito della conferenza Stato-Regioni. Come evidenziato durante l’incontro, il Sulpl apprezza il riavvicinamento della Regione, che fino a qualche mese fa appariva come un ritrovo di burocrati, al nostro Sindacato di Categoria; dunque rispetto alla blindatura iniziale ci sentiamo di dire che il rapporto è stato recuperato».