Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

eventi

Sold out per la Salita al Pordenone, l’arte ancora protagonista dei venerdì piacentini

Pubblicato il

Salita al Pordenone organizzata dalla Banca di Piacenza
1 minuti di lettura

Si conferma il successo dei Venerdì Piacentini 2, organizzati dalla Banca di Piacenza in collaborazione con il Comune e con l’adesione di diverse associazioni territoriali di categoria. Anche la seconda serata ha visto salire sulla cupola di Santa Maria di Campagna affrescata dal Pordenone centinaia di piacentini. I turni della Salita avevano registrato il “tutto esaurito” già dalla mattinata (ricordiamo che è possibile accedere gratuitamente per tutti i venerdì di luglio dalle 21,30 alle 24 con ultima salita alle 23). Si raccomanda quindi di prenotare il proprio turno sul sito www.midaticket.it, unico modo per usufruire della gratuità offerta dall’Istituto di credito di via Mazzini anche per il 13, 20 e 27 del mese.

La serata è stata arricchita dallo spettacolo allestito sul sagrato della basilica mariana, 72° evento collaterale alla Salita al Pordenone. Nando Rabaglia e Carolina Migli, accompagnati dalla chitarra classica di Antonio Amodeo (che ha suonato musiche del ‘500-‘600), hanno proposto letture teatrali d’approfondimento sulla storia di Santa Maria di Campagna e su vita e personalità di Giovanni Antonio de’ Sacchis. Un reading molto apprezzato dal pubblico, affascinato dalle suggestioni rinascimentali ricreate dai protagonisti. «Siamo umili cantori – ha premesso Nando Rabaglia – di un’arte tramandata da più di 400 anni. Cercheremo di coinvolgervi con la nostra espressività per portarvi dentro gli accadimenti di quel tempo lontano». La serata si è chiusa in bellezza con una simpatica bicchierata.

Visto il gradimento dell’iniziativa, venerdì 13 si terrà sul sagrato della basilica il reading teatrale “Viaggio poetico nell’arte sacra del Pordenone”, con Mino Manni e Marta Ossoli; accompagnamento musicale di Paola Tezzon (violino) e Francesca Ruffilli (violoncello). Bicchierata finale.