Seguici su

politica

San Lazzaro, i residenti: «Macchine prese d’assedio dai vandali»

Pubblicato il

San Lazzaro, i residenti: «Macchine prese d'assedio dai vandali»

Alcuni finestrini sono stati crepati con forza, altri sono stati rimossi “chirurgicamente”. La scorsa settimana, un gruppo di residenti del quartiere San Lazzaro a Piacenza ha subìto dei fastidiosi atti vandalici contro i propri veicoli posteggiati in via Menicanti, dietro al centro commerciale di Porta San Lazzaro sulla via Emilia.

«L’amministrazione comunale e le forze dell’ordine sembrano focalizzate maggiormente sul centro storico – commenta l’abitante Federico Cassinari -, vorremmo più attenzione per la nostra zona». I cittadini hanno contato sei automobili danneggiate nell’arco di una notte, forse ad opera di una banda di teppisti avvistati il giorno stesso per le vie di San Lazzaro. Al loro risveglio, hanno ritrovato i mezzi con i vetri distrutti, con una sassata o, in altri casi, estratti in modo impeccabile dal vano laterale, «destando perfino lo stupore dei professionisti che hanno effettuato la riparazione». I danni arrecati valgono centinaia di euro: «Ho speso circa 250 euro – fa sapere Leonella Neagu -, al mio compagno hanno rubato il bancomat lasciato nel vano della macchina». A Giulia Dapero è toccata una sorte simile: «Hanno fracassato il finestrino e hanno preso il libretto di circolazione».

I residenti hanno denunciato l’accaduto ai carabinieri. Ora pensano di ricorrere a un esposto collettivo per far sentire ulteriormente la proprio voce. «Il contesto della sicurezza nel nostro quartiere sta peggiorando», prosegue Cassinari, riferendosi soprattutto all’enorme sagoma di un edificio abbandonato da almeno dieci anni alle spalle delle abitazioni. «Lì si annidano il degrado e l’inciviltà. Sembra frequentato da malviventi, a volte s’intravedono le luci delle torce accese». Infatti, alcuni tratti di staccionata del mega-palazzo incompleto sono divelti. In questo perimetro di scarso decoro urbano, giace un piccolo prefabbricato metallico – circondato da cocci di vetro, graffiti e sterpaglie – che contiene stracci, materiale ferroso e legni abbandonati.

Thomas Trenchi
(Pubblicato sul quotidiano Libertà)

Classe 1998, giornalista professionista dell'emittente televisiva Telelibertà e del sito web Liberta.it. Collaboratore del quotidiano Libertà. Podcaster per Liberta.it con la rubrica di viaggi “Un passo nel mondo” e quella d’attualità “Giù la mascherina” insieme al collega Marcello Pollastri, fruibili anche sulle piattaforme Spreaker e Spotify; altri podcast: “Pandemia - Due anni di Covid” e un focus sull’omicidio di via Degani nella rubrica “Ombre”.In passato, ideatore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato anche alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni” e co-creatore di "Eravamo come morti - Testimonianza di Enrico Malacalza, internato nel lager di Stutthof". Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018).Nel maggio del 2022, insieme ai colleghi Marcello Pollastri e Andrea Pasquali, ha curato il libro-reportage "Ucraina, la catena che ci unisce", dopo alcuni giorni trascorsi nelle zone di guerra ed emergenza umanitaria. Il volume è stato pubblicato da Editoriale Libertà con il quotidiano in edicola.Ecco alcuni speciali tv curati per Telelibertà: "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste in occasione della festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019; “I presepi piacentini nel Natale del Covid”; “La vita oltre il Covid” con interviste a due piacentini guariti dall’infezione da Coronavirus dopo dure ed estenuanti settimane di ricovero in ospedale; il reportage “La scuola finlandese” negli istituti di Kauttua ed Eura in Finlandia.