Seguici su

curiosità

Ettore Capri a Bruxelles: «È sbagliato pensare di abolire i pesticidi»

Pubblicato il

Da Piacenza a Bruxelles per approfondire l’uso dei pesticidi in agricoltura. Una settimana fa, il prof. Ettore Capri, esperto internazionale in materia e docente della facoltà di scienze agrarie nella sede locale dell’università Cattolica, è volato nel Parlamento europeo per condividere la propria posizione con i membri del comitato speciale per i prodotti fitosanitari, istituito in particolare dopo le preoccupazioni sorte sui rischi connessi al glifosate.

«La mia impressione è che l’Ue sia intenzionata a togliere progressivamente al mondo dell’agricoltura le tecnologie chimiche e genetiche, provocando l’aumento delle spese di produzione e i costi per il consumatore finale – spiega Capri con schiettezza -. Alcune lobby pensano che possa esistere solo il concetto assoluto di filiera biologica, ma sbagliano: l’agricoltura professionale ha bisogno di questi strumenti». Secondo Capri è sbagliato adottare un approccio precauzionale verso il glifosate, cioè il potente erbicida al centro di numerose controversie riguardo gli effetti sulla salute umana: «Pur essendo una sostanza potenzialmente contaminante, non bisogna vietarla a priori. Infatti, genera profitto per gli agricoltori, già di per sé in grossa difficoltà economica. Occorre adeguarsi a un utilizzo sostenibile del glifosate, coordinandone la distribuzione e la somministrazione sui campi in modo equilibrato nello stesso territorio. Questo compito spetta agli amministratori locali e alle aziende del settore, dato che solo il sovrautilizzo complessivo dell’erbicida nella stessa area può portare a fenomeni di inquinamento».

Ad aprile, i Paesi membri dell’Ue hanno approvato la proposta della Commissione europea che introduce il divieto di utilizzo all’aperto di tre pesticidi neonicotinoidi perché nocivi per le api. Questo provvedimento è stato toccato dall’intervento del docente piacentino: «Non è giusto danneggiare l’agricoltura con l’abolizione dei pesticidi per il benessere delle api, quando invece servirebbero politiche d’attenzione per il loro stato nutrizionale e quello di tutti gli altri insetti impollinatori. In altre parole, le api selvatiche necessitano di fiori spontanei e colture pollinifere di cui nutrirsi: per esempio, accostare i girasoli alle coltivazioni di mais sarebbe una buona soluzione. Limitare la lavorazione del terreno, creando margini di campo con piccoli boschi e siepi – conclude Capri – aumenterebbe la biodiversità, favorirebbe la riproduzione degli organismi che uccidono i parassiti indesiderati all’uomo e pertanto ridurrebbe l’impiego dei pesticidi».

Thomas Trenchi
(Pubblicato sul quotidiano Libertà)

Classe 1998, giornalista dell'emittente televisiva Telelibertà e del sito web Liberta.it. Collaboratore del quotidiano Libertà. In passato, ideatore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato anche alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni” e co-creatore di "Eravamo come morti - Testimonianza di Enrico Malacalza, internato nel lager di Stutthof". Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018). Ecco alcuni speciali tv curati per Telelibertà: "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste in occasione della festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019; “I presepi piacentini nel Natale del Covid”; “La vita oltre il Covid” con interviste a due piacentini guariti dall’infezione da Coronavirus dopo dure ed estenuanti settimane di ricovero in ospedale; il reportage “La scuola finlandese” negli istituti di Kauttua ed Eura in Finlandia.