Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

testimonianze

Cecilia Campioni, piacentina in Camerun candidata al premio mondiale del volontariato

Pubblicato il

2 minuti di lettura

Da un lavoro a tempo indeterminato al volontariato internazionale nelle prigioni del Camerun. La 28enne piacentina Cecilia Campioni ha rinunciato a un posto stabile da operatrice per l’accoglienza di richiedenti asilo in città e si è lanciata in una sfida anzitutto con se stessa. La ragazza infatti ha scelto di diventare una volontaria dell’associazione COE (Centro orientamento educativo) a Bafoussam. Ora – dopo un anno di impegno in laboratori di scrittura creativa con i detenuti e corsi di teatro sociale per lottare contro la delinquenza giovanile diffusa in questa zona dell’Africa equatoriale – è stata candidata al prestigioso premio mondiale FOCSIV nella categoria dedicata ai giovani volontari in servizio civile all’estero.

«Mi è stato chiesto di recarmi a Bafoussam, una città che necessitava di qualcuno che fosse propositivo e che avesse voglia di confrontarsi con una realtà nuova. Ho deciso così di cominciare questa esperienza, seppur con tanti interrogativi e dubbi. Credo che sia importante ascoltare chi da più tempo è su un territorio e capire dove sia effettivamente necessaria la propria presenza – racconta Cecilia sul portale ufficiale del premio FOCSIV, un riconoscimento promosso dal 1994 -. Le difficoltà sono state diverse, tra cui il confronto con una realtà lavorativa nuova che non si era mai approcciata a volontari italiani, momenti di incomprensione e mediazione iniziali spesso difficili da gestire, con un’equipe molto propositiva e volenterosa ma con pochissima esperienza e non abituata a una tipologia di progettazione a lungo termine. Rifarei questa scelta cento volte, se possibile».

Per Cecilia “prestare servizio” significa essere disposti a tutto: «dalla pulizia della sala del centro con i ragazzi, alla gestione di conferenze e seminari di formazione sul territorio, passando per rapporti con i media e le autorità locali. Non bisogna imporsi, ma ascoltare e saper sospendere il proprio giudizio». Recentemente, in Camerun ha curato uno spettacolo interattivo con i detenuti rivolto al pubblico esterno, «per cercare di instaurare un ponte tra la prigione e il mondo, favorendo il loro reinserimento sociale». Il valore della sua opera emerge dai pensieri trascritti da alcuni detenuti della prigione centrale di Bafoussam con la quale sta interagendo: “Mi chiamo Paulin. Sono membro del gruppo di scrittura creativa, ideato da Cecilia. È una donna con un grande cuore. Le sue qualità particolari sono: l’umiltà, la franchezza, il coraggio e lo spirito di condivisione. Cecilia si comporta come se vivesse con noi da tempo perché capisce le nostre mentalità. Lei è riuscita a farmi credere che un cambiamento è possibile”.

Non resta che compiere l’ultimo passo: votare Cecilia, l’unica piacentina in gara, collegandosi al sito www.premiodelvolontariato.focsiv.it. C’è tempo fino all’ 8 ottobre: le preferenze collezionate online verranno sommate al punteggio totale assegnato da una giuria di esperti.

Thomas Trenchi
(Pubblicato sul quotidiano Libertà)

Classe 1998, è giornalista pubblicista. Collabora con il quotidiano Libertà e l'emittente televisiva Telelibertà. Ideatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), responsabile della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018). Per Telelibertà, ha curato lo speciale "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste realizzate durante la festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019.

Clicca per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.