Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

cultura

Palazzo Serafini e delle Poste, aste deserte per due gioielli piacentini

Pubblicato il

Palazzo Serafini e delle Poste, aste deserte per due gioielli piacentini
1 minuti di lettura

Belli e impossibili. È sfumata (ancora) l’asta per due gioielli piacentini: Palazzo delle Poste e Palazzo Serafini, con un prezzo di partenza rispettivamente di 881.500 euro e 1,545 milioni di euro.

Si tratta di due immobili storici che il Demanio ha messo più volte all’asta invano dal 2017, cercando di introitare nuove risorse e valorizzare questi patrimoni pubblici di pregevole valore. Palazzo delle Poste, in via Roma, storicamente denominato anche Palazzo della Spezieria della Camera ducale, è stato costruito alla fine del sedicesimo secolo. Ad oggi, alcune stanze sono soltanto intonacate e tinteggiate, ma prive della pavimentazione e degli impianti.

Palazzo Serafini, invece, sorge nei pressi di via Cavour, è stato dismesso e abbandonato una quindicina di anni fa. Dotato di un appartamento nobile con i soffitti affrescati e i mobili d’epoca, un cortile e un giardino, non ha finora trovato acquirenti. L’esecuzione di qualsiasi intervento strutturale è sottoposto all’autorizzazione della Soprintendenza.

Palazzo Serafini e Palazzo delle Poste sono solo due degli oltre quarantamila beni che appartengono allo Stato e che valgono, in totale, circa sessanta miliardi di euro. Anche a Piacenza, dunque, non c’è che l’imbarazzo della scelta per qualche “zio Paperone” di turno o per le imprese private disposte a investire su questi patrimoni.

Thomas Trenchi
(Pubblicato sul quotidiano Libertà)

Creatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Collabora con il quotidiano Libertà e l'emittente Telelibertà. Ha realizzato alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Regista del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), curatore della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018).

Clicca per commentare