Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

curiosità

Sciogliere i rifiuti umidi e “pulire” il carburante? Con questi brevetti potrebbe essere possibile…

Un garage assemblabile per motociclette, un dispositivo per “pulire” il carburante emesso dai veicoli e – dulcis in fundo – una macchina per sciogliere i rifiuti umidi. Sono le invenzioni utopiche del 75enne Giovanni Duranti, che giura: «Ora, grazie ai miei progetti, questi strumenti sono reali e realizzabili. Non resta che trovare un’azienda privata disposta a investire su un futuro ecologico».

Pubblicato il

2 minuti di lettura

Un garage assemblabile per motociclette, un dispositivo per “pulire” il carburante emesso dai veicoli e – dulcis in fundo – una macchina per sciogliere i rifiuti umidi. Sono le invenzioni utopiche del 75enne Giovanni Duranti, che giura: «Ora, grazie ai miei progetti, questi strumenti sono reali e realizzabili. Non resta che trovare un’azienda privata disposta a investire su un futuro ecologico».

Il creativo, nato nelle Marche ma piacentino d’adozione, mostra soddisfatto i brevetti delle sue opere, rilasciati tra il 1998 e il 2008 dagli uffici ministeriali e mai presi davvero in considerazione dalle ditte. In prima battuta, svela i dettagli del «box per motociclette», un ricovero “fai da te” pensato per tenere al riparo i mezzi a due ruote direttamente in giardino o di fronte alla propria abitazione. Le carte riportano la sagoma di una scatola ermetica dotata di una porta blindata e «rivestita da spugne speciali per mantenere una temperatura adatta».

L’acquirente, secondo l’idea di Duranti, può montare personalmente il mini-garage. Non solo: «Raggruppando questi box, potrebbe nasce una cittadella delle moto ai margini della città, cioè una sorta di parcheggio scambiatore collegato con le navette al centro storico e pieno di negozi specializzati per i “centauri”». Da un’altra cartelletta colorata, sfodera il disegno della “macchina per liquefare i rifiuti solidi organici” (così intitolata nel brevetto ufficiale): «È un’innovazione unica per smaltire all’origine l’immondizia biodegradabile senza inquinare gli ambienti urbani. Questa apparecchiatura è composta da un tubo in cui introdurre i detriti, uno “sminuzzatore” che li disgrega, una vasca d’acqua a valle con un frullatore che li rende omogenei e un condotto di scarico allacciato alla fognatura».

Per Duranti, questa macchina dovrebbe essere collocata nei cortili dei condomini e nelle villette a schiera, così da «risparmiare sui servizi esterni per lo smaltimento dei rifiuti, con una soluzione sostenibile e a costo zero». In fondo alla lista – «non per ordine di importanza», ci tiene a specificare – ecco il “dispositivo per l’abbattimento dello smog”: «Comporterebbe una rivoluzione nel mercato automobilistico, permettendo di purificare il carburante all’origine». In che modo? «Bisognerebbe installare una bobina alimentata a corrente elettrica – risponde Duranti -, in grado di generare una pre-combustione e sciogliere così le polveri fini in partenza, senza che escano dal tubo di scappamento».

Thomas Trenchi
(Pubblicato sul quotidiano Libertà)

Classe 1998, è giornalista pubblicista. Collabora con il quotidiano Libertà e l'emittente televisiva Telelibertà. Ideatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), responsabile della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018). Per Telelibertà, ha curato lo speciale "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste realizzate durante la festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019.