Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

politica

Brutta sorpresa per gli invalidi, si alza l’età minima per l’assegno sociale

Pubblicato il

2 minuti di lettura

Gli invalidi civili stanno per trovare una «brutta sorpresa» sotto l’albero di Natale. La sezione piacentina dell’Anmic, infatti, ha comunicato con perplessità che a partire dal 2019 l’età minima per beneficiare dell’assegno sociale di invalidità verrà innalzata alla soglia dei 67 anni.

In precedenza erano già cambiati più volte i requisiti anagrafici: dai 65 anni e 3 mesi del 2013 ai 65 anni e 7 mesi del 2016. Nel 2018 si era passati a 66 anni e 7 mesi, che a breve tramuteranno appunto nei 67 anni. Insomma, si tratta dell’ennesimo scatto dovuto all’adeguamento dell’incremento della speranza di vita, attualmente pari a cinque mesi.

La “letterina” firmata dall’Inps

L’assegno sociale è una prestazione economica fornita a domanda ai cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate e destinata agli invalidi civili che d’ora in poi avranno raggiunto il 67esimo anno. Nei giorni scorsi, l’associazione di via Poggiali ha ricevuto una lettera formale dall’Inps in cui si precisa che «coloro i quali compiono l’età prevista dalla normativa attualmente vigente (66 anni e 7 mesi) entro il 31 dicembre 2018, a prescindere dalla data di presentazione dell’istanza di assegno sociale, sono da considerare “ultrasessantacinquenni”».

Ciò comporta che i soggetti che presentano la domanda di assegno sociale dopo il primo gennaio 2019 saranno ritenuti titolari del requisito anagrafico pur non avendo ancora compiuto i 67 anni previsti; chi richiede il riconoscimento dell’invalidità civile nel corso del 2019 prima di avere compiuto 67 anni, in caso di accoglimento della domanda conseguirà comunque la condizione di invalido “ultrasessantacinquenne”, per cui sarà preclusa la possibilità di richiedere la pensione di inabilità o l’assegno mensile di assistenza.

La pensione d’inabilità civile, l’assegno mensile di assistenza agli invalidi parziali e la pensione non reversibile ai sordi saranno concesse – a seguito del riconoscimento del requisito sanitario e sussistendo le altre condizioni socio-economiche previste – alle persone d’età non inferiore al diciottesimo anno e fino al compimento del sessantasettesimo.

Thomas Trenchi
(Pubblicato sul quotidiano Libertà)

Classe 1998, è giornalista pubblicista. Collabora con il quotidiano Libertà e l'emittente televisiva Telelibertà. Ideatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), responsabile della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018). Per Telelibertà, ha curato lo speciale "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste realizzate durante la festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019.

Clicca per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.