Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

curiosità

Il “Des matt” di Faustini torna in vita grazie ai ragazzi di Officine Gutenberg

Cartoncino dopo cartoncino, il “Des Matt” di Valente Faustini ha trovato dei nuovi proprietari: i ragazzi con fragilità della cooperativa sociale Officine Gutenberg, che hanno realizzato a mano – con materiali riciclati e scatole alimentari – una collana di libri a tiratura limitata della celebre poesia in dialetto piacentino.

Pubblicato il

2 minuti di lettura

Cartoncino dopo cartoncino, il “Des Matt” di Valente Faustini ha trovato dei nuovi proprietari: i ragazzi con fragilità della cooperativa sociale Officine Gutenberg, che hanno realizzato a mano – con materiali riciclati e scatole alimentari – una collana di libri a tiratura limitata della celebre poesia in dialetto piacentino.

Il testo, emblema della tradizione popolare, racconta le peripezie misteriose di una monetina di lire falsa, che un prete vuole in qualche modo riciclare ma che alla fine gli ritorna indietro, dopo essere passata nelle tasche di numerose persone.

Spinti dalla curiosità e dalla voglia di mettersi in gioco, il 27enne Marco Cogni e il 42enne Paolo Politi hanno frequentato un corso estivo di ventiquattrore per l’inserimento lavorativo a Spazio2, con il coordinamento di Davide Corona e Gabriele Dadati e il supporto di Giovanni Gattoni e Lorenzo Rai. Il corso è stato finanziato da “Foncoop”, un fondo interprofessionale per le associazioni del mondo cooperativo.

Da sinistra, il giornalista Thomas Trenchi, l'educatore Davide Corona, i co-autori Marco Cogni e Paolo Politi

Da sinistra, durante la presentazione ufficiale dell’opera, il giornalista Thomas Trenchi, l’educatore Davide Corona, i co-autori Marco Cogni e Paolo Politi

Durante gli incontri – tra forbici, colla, ago e filo – hanno costruito trenta copertine diverse l’una dall’altra: veri e propri “pezzi unici” contenenti i versi di Faustini, uno dei massimi interpreti della “piacentinità” morto nel 1922 (per chi non lo sapesse, ai Giardini Margherita è collocata una statua che lo ritrae). In ogni esemplare di libro, c’è una caratteristica estetica che si ripete: la presenza della sagoma in cartoncino dei dieci centesimi di lira. Questa versione del “Des Matt” è un esempio locale di editoria cartonera, cioè un modello di produzione dal basso in forte crescita in Sudamerica, che unisce i concetti di letteratura e sostenibilità in pagine rilegate a mano con tecniche povere e veloci e poi vendute a un prezzo simbolico.

Lo scorso novembre, la creazione – edita e diffusa da Officine Gutenberg – è stata presentata ufficialmente nella sala mostre di Palazzo Farnese, all’interno degli appuntamenti del festival “Profondo Giallo”, davanti a una platea di amici, parenti e curiosi. «Abbiamo scelto la poesia “Des Matt” perché è breve e non più protetta dal copyright – ha scherzato il coautore Cogni in occasione dell’evento -. È una gran bella soddisfazione vedere pubblicati i propri sforzi. Le difficoltà maggiori sono state quelle di ritagliare le letterine da applicare sul fronte e di cucire i fogli tra loro».

Thomas Trenchi
(Pubblicato sul quotidiano Libertà)

Classe 1998, è giornalista pubblicista. Collabora con il quotidiano Libertà e l'emittente televisiva Telelibertà. Ideatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), responsabile della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018). Per Telelibertà, ha curato lo speciale "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste realizzate durante la festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019.