Seguici su

↓ Gioia Web Radio - La voce degli studenti ↓

Ascolta "#OfficinaPiacenza: ballottagio. Intervengono Patrizia Barbieri e Paolo Rizzi" su Spreaker.

curiosità

Quattro blogger a spasso per Piacenza: «Sfruttare di più il web per turismo»

Durante il blog tour, i personaggi del web si sono dedicati a pranzi e cene tipiche, alla discesa al pozzo di Sant’Antonino, allo shopping in centro storico, alla visita della mostra “Annibale un mito mediterraneo” e dei musei di palazzo Farnese.

Pubblicato il

2 minuti di lettura

Una gemma assopita, timida, accogliente e sorprendente. Quattro aggettivi per descrivere Piacenza. Almeno secondo i blogger Giorgia Di Sabatino, Gloria Di Blasi, Marika Marangella e Federico Graziati, che lo scorso weekend hanno provato a raccontare sul web la nostra città nell’ambito dell’iniziativa “Storie di Piacenza”.

Sfruttare internet per il territorio

Ma quale passo in più si dovrebbe compiere per sfruttare internet e valorizzare il territorio? «Piacenza necessita anzitutto di un sito dedicato al turismo – esorta il travel blogger Graziati (@federicograziati) -. Un portale moderno, accattivante e sempre aggiornato su ogni sfaccettatura che può creare valore per un turista. I racconti all’interno del sito devono tradursi in uno “storytelling esperienziale”, collegato ai social network Facebook e Instagram. Insomma, bisognerebbe creare piccoli pacchetti turistici formati da racconti, immagini e video».

Di Sabatino, ai più conosciuta come @cookthelook, crede che la via dei blog tour sia quella giusta: «Siamo stati protagonisti del primo viaggio itinerante di influencer a Piacenza. Occorre continuare su questo percorso di coinvolgimento delle persone attive sul web. Fra i miei follower, qualcuno ha già prenotato un weekend a Piacenza».

«Protagonisti del primo blog tour piacentino»

È della stessa idea Marika Marangella (@marikamarangella), travel blogger e social media manager di professione: «La creazione di blog tour incentrati su aspetti differenti della provincia può rivelarsi un’ottima chiave d’azione per raccontare il territorio con occhi esterni», e puntare quindi sul convincimento degli utenti a scegliere una piccola vacanza alla scoperta di Piacenza.

Di Blasi, life style blogger e curatrice del portale online “Vita Su Marte”, è rimasta colpita «dalla ricchezza e dalla varietà architettonica di Piacenza, oltreché all’ampia rete commerciale in cui resistono con fiera operosità numerose botteghe storiche. Sicuramente – continua Di Blasi -, per la posizione strategica in cui si trova, c’è moltissimo potenziale per attirare molte più gite fuori porta attraverso la risonanza sul patrimonio storico, sui tesori paesaggistici dei dintorni e sulle ricchezze enogastronomiche della città».

Durante il blog tour, i personaggi del web si sono dedicati a pranzi e cene tipiche, alla discesa al pozzo di Sant’Antonino, allo shopping in centro storico, alla visita della mostra “Annibale un mito mediterraneo” e dei musei di palazzo Farnese.

Thomas Trenchi
(Pubblicato sul quotidiano Libertà)

Classe 1998, è giornalista pubblicista. Collabora con il quotidiano Libertà e l'emittente televisiva Telelibertà. Ideatore e gestore di Sportello Quotidiano, blog d'approfondimento sull’attualità piacentina. Ha realizzato alcuni servizi per il settimanale d'informazione Corriere Padano. Co-fondatore di Gioia Web Radio, la prima emittente liceale a Piacenza. Creatore del documentario amatoriale "Avevamo Paura - Memorie di guerra di Bruna Bongiorni”. Co-autore di “#Torre Sindaco - Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza” (Papero Editore, 2017), responsabile della raccolta “Sportello Quotidiano 2016-2017” (YouPubly, 2018) e autore di "La Pellegrina - Storie dalla casa accoglienza Don Venturini" (Papero Editore, 2018). Per Telelibertà, ha curato lo speciale "I piacentini di Londra" per raccontare il fenomeno dell'emigrazione dei piacentini in Inghilterra nel secondo dopoguerra, con immagini, testi e interviste realizzate durante la festa della comunità piacentina nella capitale britannica dal 17 al 19 maggio 2019.